Festival, convegni, sagre e rievocazioni storiche, che si tengono ogni anno nella Città di Vinci

LETTURA VINCIANA

Ogni anno, intorno alla metà di aprile, la città di Vinci ricorda la nascita di Leonardo con le Celebrazioni Leonardiane, manifestazioni che hanno nella Lettura Vinciana il loro momento più significativo. Dal 1960, infatti, la Biblioteca Leonardiana affida ad uno dei più significativi esponenti della storiografia vinciana il compito di un intervento critico su uno dei molteplici campi in cui si sviluppò l’attività di Leonardo.
La continuità di questa iniziativa e la riconosciuta autorevolezza scientifica dei relatori hanno reso questa manifestazione un appuntamento di grande interesse culturale, capace di documentare tendenze fondamentali e protagonisti principali degli studi vinciani negli ultimi decenni.


IL GIORNO DI LEONARDO

Il Giorno di Leonardo è la festa di compleanno dedicata al più illustre dei cittadini di Vinci, che si svolge ogni anno la prima domenica successiva al 15 aprile e che affonda le sue radici nel lontano 1959, quando venne celebrata la prima edizione, intitolata Leonardo e il volo umano. In quell’occasione, una pattuglia di reattori, decollata dall’aeroporto di Roma sorvolò il cielo di Vinci eseguendo una serie di evoluzioni e lanciando una corona d’alloro sulla Casa natale di Leonardo, tradizione che si ripeterà ogni anno. Nel 2017, grazie alla Pro Loco Vinci, la manifestazione si è rinnovata e vede ogni anno un ricco programma di eventi diviso tra performance artistiche, visite guidate, installazioni, sfilate storiche e sul finale il consueto taglio della torta.

Il Giorno di Leonardo, 1959
Il Giorno di Leonardo, 2017

FESTA DELL’UNICORNO

La Festa dell’ Unicorno è uno degli eventi più importanti del genere fantasy in Italia che si svolge ogni anno a fine luglio. Per tre giorni il borgo di Vinci si trasforma in un mondo medieval fantasy e intraprendere un viaggio oltre il tempo, tra elfi, gnomi, maschere mostruose, giochi di ruolo e cosplay. Centinaia di spettacoli si susseguono nelle varie aree tematiche allestite nel paese, nel quale è allestito un vero e proprio mercato di oggettistica a tema fantasy.

VOLO DI CECCO SANTI

Ogni anno, l’ ultimo mercoledì di luglio, come tappa conclusiva della “Fiera di Luglio” prende vita la tradizionale rievocazione storica del Volo di Cecco Santi.  La leggenda popolare narra che il capitano delle guardie di Vinci, Cecco Santi, fu accusato di aver tradito la città per amore di una donna di Cerreto Guidi, città nemica e sotto assedio. La pena doveva essere eseguita mediante il “lancio” dalla torre, dalla quale il condannato avrebbe avuto salva la vita, se buona sorte l’avesse aiutato.  Come ultimo desiderio,  il capitano chiese di bere un bicchiere del buon vino di Vinci e, miracolosamente, gettato dalla torre, Cecco riuscì a volare fino alla collina di fronte al castello ed ebbe salva la vita. In quell’anno i contadini ebbero abbondanti raccolti di uva, olive e grano. La rievocazione è diventato un gesto scaramantico legato all’agricoltura e al buon esito del raccolto.

La festa annuale ha le radici molto lontane nel tempo, infatti, a partire dagli anni 20 del novecento veniva fatta una fiera del bestiame con tombola e fuochi di artificio. Il corteo storico è abitualmente preceduto dalla Tenzon di palla, l’annuale sfida di Calcio storico tra i nibbi gialli di Vinci alto e i leoni rossi di Vinci basso che si contendono l’ambito Coppo di Vinci.

LA BEFANATA DEI POETI

All’origine dell’antica tradizione del Montalbano e della Valdelsa de la “Befanata dei poeti”, c’ è un gioco di società delle accademie rinascimentali fiorentine, passato poi nelle cantine e nelle osterie contadine come un concentrato di improvvisazioni in ottava rima, spesso dissacranti, sugli eventi dell’anno vecchio e i personaggi del paese. I poeti , durante la tradizionale cena nella veglia dell’Epifania, si cimentano in rime che prendono in giro la comunità, scherzando sulle cronache dei cittadini.


CALICI DI STELLE

Tutti gli anni, il 10 di agosto, Il borgo di Vinci si prepara per la festa di ‘Calici di stelle’ in piazza Guido Masi e in piazza dei Conti Guidi. I protagonisti sono i produttori di vino del luogo. Spazio ad assaggio di bianchi, rosati, rossi giovani e Chianti, rossi strutturati e Chianti Riserva, per finire con i vinsanti da dessert e i vini da meditazione. La serata è accompagnata da stand gastronomici e intrattenimento musicale.